sabato 26 gennaio 2013

III domenica del tempo ordinario (27 gennaio)

DOMENICA 27 gennaio

Trova il momento giusto e il luogo giusto per LEGGERE e poi mettere in pratica i suggerimenti che ti vengono proposti.
Inizia con la preghiera che trovi a p.2

“Per celebrare…per vivere”
-          L’importanza della Parola di Dio
La Bibbia è la letteratura di un popolo: in essa sono raccolte le vicende, le sofferenze, le angosce, le gioie e le speranze della storia di un popolo; le riflessioni dei saggi, le liriche, gli inni dei poeti, le canzoni popolari fino alla vita delle primitive Comunità cristiane. Tutto questo è certamente “rivelazione dell’uomo”, ma è insieme “rivelazione di Dio”.  La storia passata è letta come Parola di Dio perché alla sua luce possiamo leggere la nostra storia, la nostra vita, e scoprire e incontrare Dio nelle vicende del nostro quotidiano.
La parola che viene da Dio, di Dio possiede la potenza e l’efficacia. Essa interroga, provoca, consola, crea comunione e salva, sia pure in modo diverso, secondo i momenti e le forme; ogni atto di predicazione è glorificazione di Dio ed evento per l’uomo.
La Liturgia odierna ci aiuta a fare una verifica del ruolo che assume oggi la Parola di Dio nelle nostre Comunità e assemblee liturgiche. Si verifichi la preparazione spirituale, teologica e tecnica di chi proclama la Parola. I sacri Ministri verifichino il loro modo di annunciare: essi non devono e non possono “dire” al popolo di Dio le loro parole, spesso vuote e senza senso, bensì devono annunciare e “spezzare” il Pane della Parola di Dio! Così anche i catechisti e gli operatori impegnati nella pastorale!

Vedi anche: http://labibbiaelavita.blogspot.it/2013/01/lc-11-4-414-21iii-domenica-del-tempo.html

Nessun commento:

Posta un commento