domenica 20 gennaio 2013

II domenica del T.O./C (domenica 20 gennaio)

DOMENICA 20 gennaio

Trova il momento giusto e il luogo giusto per LEGGERE e poi mettere in pratica i suggerimenti che ti vengono proposti.
Inizia con la preghiera che trovi a p.2

“Per celebrare…per vivere”
-          Oltre i tempi che hanno proprie caratteristiche, ci sono 33 o 34 settimane durante il corso dell’anno, le quali sono destinate non a celebrare un particolare aspetto del mistero di Cristo, ma nelle quali tale mistero viene piuttosto venerato nella sua globalità, specialmente nelle domeniche. Questo periodo si chiama “Tempo Ordinario”.
-          Non si tratta di un Tempo liturgico meno importante solo perché definito con l’appellativo ordinario. Ricordiamo che la Domenica sempre è il giorno della Pasqua, giorno fatto dal Signore... giorno di festa che celebra l’incontro con il Risorto presente e vivo tra coloro che sono “convocati” nel suo nome, giorno al quale deve essere riservato sempre un particolare clima di gioia.
-          In tutti e tre i cicli (A-B-C) nella seconda Domenica troviamo un testo giovanneo, mentre poi si prosegue, nell’anno C, con la lettura semi-continua del Vangelo secondo Luca.
-          La celebrazione di questa Seconda Domenica del Tempo Ordinario si propone come continuazione della solennità dell’Epifania del Signore: «Oggi la Chiesa, lavata dalla colpa nel fiume Giordano, si unisce a Cristo, suo Sposo, accorrono i magi con doni alle nozze regali e l’acqua cambiata in vino rallegra la mensa, alleluia» (antifona al Benedictus); «Tre prodigi celebriamo in questo giorno santo: oggi! la stella ha guidato i magi al presepio, oggi l’acqua è cambiata in vino alle nozze, oggi Cristo è stato battezzato da Giovanni nel Giordano per la nostra salvezza, alleluia» (antifona al Magnificat). In quest’ottica è possibile interpretare e celebrare i testi biblici che la Liturgia della Parola propone in questa Domenica, tenendo presente che solo ed esclusivamente il ciclo “C” ci fa celebrare in successione questi tre eventi!

Nessun commento:

Posta un commento