mercoledì 12 dicembre 2012

Verso la III domenica di Avvento (giovedì 13 dicembre)


GIOVEDI’ 13 dicembre
Santa Lucia
A Roma (San Giulio): incontro di preghiera degli universitari con la comunità di Taizè (ore 20.45-22.30)
 
Trova il momento e il luogo giusto per LEGGERE (e PREGARE) con il SALMO di domenica prossima. Inizia e concludi con le preghiere che trovi a p.2
 

Is. 12 

Canta ed esulta, perché grande in mezzo a te è il Santo d’Israele.  

Ecco, Dio è la mia salvezza;
io avrò fiducia, non avrò timore,
perché mia forza e mio canto è il Signore;
egli è stato la mia salvezza.

Attingerete acqua con gioia
alle sorgenti della salvezza.
Rendete grazie al Signore e invocate il suo nome,
proclamate fra i popoli le sue opere, fate ricordare che il suo nome è sublime.

Cantate inni al Signore, perché ha fatto cose eccelse,
le conosca tutta la terra.
Canta ed esulta, tu che abiti in Sion, perché grande in mezzo a te è il Santo d’Israele. 
 

Con israele

Questo brano tratto dal profeta Isaia è un vero salmo che si trova fuori dal salterio; è un inno di lode che annuncia il ritorno degli esiliati dalla terra di schiavitù. Verrà quel giorno felice e l’orante dovrà lodare il Signore Dio perché la sua ira è terminata e si è trasformata in consolazione.

Con gesù

Il canto prosegue indicando e proclamando il Signore che si è manifestato come Salvatore. Il suo popolo ora è nella fiducia ed è uscito dal timore che lo avvolgeva prima; è consapevole che il Signore è la sua forza e che attua sempre le gesta potenti come quelle dell’’Esodo.

Il salmista  poi ha anche l’incarico di annunciare una profezia felice: gli esiliati attingeranno con gioia l’Acqua della Vita dall’unica fonte  che la dona, il Salvatore Dio. Gesù si presenterà come “Acqua viva”.

In quel giorno felice i salvati proclameranno al mondo, invitandolo alla lode : “Rendete grazie al Signore e invocate il suo nome” e “fate ricordare che il suo nome è sublime”.

Con il nostro tempo

Gli imperativi si susseguono: “Cantate” al Signore che è magnifico nel suo operare e tutto questo diventi motivo di annuncio alla terra intera. “Esulta”  perché il Signore ha scelto di abitare in te, si è reso tuo sposo.

Lode e gioia rivestono la liturgia della terza domenica di avvento.

Nessun commento:

Posta un commento